Anche Shannon Elizabeth ama il poker texas hold’em



Qualche cinefilo professionista ed amante delle parodie e/o commedie demenziali potrebbe forse ricordare il suo viso ed il suo nome per la sua partecipazione alla fortunatissima serie Scary Movie.
Ma la bella Shannon Elizabeth è famosa soprattutto per alcuni scatti (che non vi mostreremo, dovete cercarli se volete vederli!!!) di grandissimo impatto sulle seguitissime pagine della rivista maschile più famosa al mondo, ovviamente, Playboy.
Direte voi, ma perchè ne state parlando qui? La pretesa è più che giustificata se si considera che l’avvenente attrice è anche una appassionata, molto accanita di poker Texas Hold’em (con tutti gli annessi e connessi). Ci permettiamo quindi di tracciare un breve profilo dell’attrice nata in Texas, nel 1973 da genitori di origini miste. Ha frequentato le scuole della sua città natale, dedicandosi al tennis al punto di pensare di farne una vera attività professionale.
Conseguito il diploma ha però preferito lavorare come modella, come attrice in spot di vario genere e comparsa in trasmissioni televisive. Al 1996 risale la sua prima apparizione sul grande schermo, con il film Blast. Ha poi avuto un piccolo ruolo in American Pie, dove però ha trovato un modo molto “diretto” di impressionare il pubblico (una memorabile scena in topless).   Nel 2000 è stato il turno del grande successo, con Scary Movie, ma al termine di questa pellicola decise di dare una svolta alla sua carriera e di smettere di puntare sulla sola bellezza. Sono seguiti altri film, con successi alterni, I tredici spettri, I gattoni, l’horror Cursed – Il maleficio. Ha anche preso parte allo show di  Ashton Kutcher Punk’d. In questo periodo è una delle star, insieme all’attore e cantante Marques Houston, della serie televisiva Cuts, in onda sulla UPN.
Nel 2005  prese parte al mondiale di poker che si tenne Caesars Palace di Las Vegas, una competizione di cui fu anche madrina; il risultato fu lusinghiero, visto che riuscì a sconfiggere 83 giocatori professionisti e vinse in totale 55,000 dollari che donò immediatamente ad un’associazione animalista da lei stessa fondata.