Guarda e impara: non pretendere troppo da una coppia bassa

Series Of Poker 2010. Una Insane Hand, come nel titolo del video.  Entriamo immediatamente nel vivo, vi sarà sufficiente leggere le cifre che scorrono al di sotto del video per farvi un’idea precisa della ricchezza del piatto.

Duhamel, un J di cuori ed un 10 di quadri, Mizrachi, un asso ed un Q di quadri. E poi Jarvis, con due 9, uno di cuori, uno di fiori. Una bella coppia, non c’è che dire, ma scommetto che molti di voi non se la sentirebbero comunque di rischiare troppo con un punto così facilmente superabile dagli altri giocatori. Jarvis però non la pensa così e va subito, proprio subito in All In, ancora prima del flop. Una mossa avventata, dall’esito incredibilmente esaltante se andasse a buon fine. O dal sapore decisamente amaro, con tanti di recriminazione verso se stessi se andasse male.

Duhamel cede, Mizrachi rimane al tavolo e chiama. I due giocatori si alzano, il pubblico si esalta, i congiunti dei giocatori iniziano a tenersi per mano, nella speranza di smuovere qualche misterioso “fluido”, mentre i commentatori danno corpo alla grande varietà di condizioni emotive di tutti i presenti in sala. Arriviamo al Flop che immediatamente sembra mandare gambe all’aria il “piano” di Jarvis: Q di picche, 8 di quadri, Q di fiori. Mizrachi in vantaggio. Turn 9 di picche, Jarvis esulta e sembra aver definitivamente scansato l’insidioso avversario. River, infine; esce un asso di picche che cambia tutto, una volta di più. Per la comprensibile gioia di un relativamente prudente Mizrachi, per l’enorme amarezza di un incredulo e fin troppo temerario Jarvis.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica